D.r Salvatore Cammarata was born in San Cataldo, in the Centre of Sicily (Italy), on 29-01-1952. He was educated, by his father Charles, born in Grand Combe (France), a police-man who later became a merchant of furniture, of limited schooling but great intelligence, at cultivating moral ideals of honesty and social justice that boy since he shared throughout life with a group of friends with whom he also developed interests in the historical analysis, social and political life. From his mother Mary he was brought up, rather, at aesthetic ideals and good behaviour. For these reasons, once completed high school, considering to follow his personal inclinations, he decided to join the Faculty of Political Science at the University of Pavia. He chose a University of Northern Italy, because he wanted to treat her better training. Much of the time he studied in Pavia, but he spent in Lugano (Switzerland), dear visitor of maternal uncles who had emigrated there to work, where he could appreciate the social and civil organization. He achieved a 30/30 in Political Economics and a 27/30 in Sociology, but soon decided to change the studies, because realized that the studies were appropriate to the many “children of father” who were enrolled there, who had a career professional and social guaranteed by their families and attending the School for more culture or for a degree to show than to find a job. He originated from a family of modest social and economic conditions and, after graduation, had to employment difficulties. He regained his enthusiasm for the university-studies when knew that in Italy, recently, had been set up degree courses in psychology at the Universities of Rome and Padua. The prospectus was again the possibility of exploring new fields of knowledge and to find job and decided to join the more prestigious University of Padua, which gave more assurance of reliability studies. It were the “years of lead” of the student Cultural Revolution in the Western World and Padua was one of the city more involved, for the presence of political organizations as “Power Worker”, “The wind rose” and others and for political activism, social and cultural of cities in general and students in particular. Among the experiences that he could not do, for lack of money, was the study of English. In third year, he began the first direct experience of mental disorders attending the House of Mental Health of Marostica (Vicenza). In IV year, he was reported to Province of Padua from his teachers at the university, to attend, as a future graduate in psychology, the Psychiatric Hospital of Brusegana. There he had as tutor the D.r Sara Genova, a leading psychologist, skilful in the use of methods of Carl Rogers combined with those hypnotics of Milton Erickson. The hospital was in a clean, orderly, modern, organized appearance Had nothing to do with the “snake holes” in which he had heard in Southern Italy especially. All operators had a serious, respectful, professional attitude for patients and trainees. Everyone was very competent in the functions that had to do. In addition, the operators carried out for the Hospital activities with patients followed in their environmental life, according then to the modern ideology that was then called the “revolving door”. Another professional who aroused his great interest was the D.r Giovanni Gozzetti, Chief Psychiatrist in the Department of observation where he was assigned, who was very competent in combining extensive traditional psychiatric knowledge and experience with psychodynamic knowledge that stemmed him from five years of Freudian analysis, made in Italy, and from an analysis by klein method that is doing in Paris. Among the cases discussed at the time were prevailing the clinical syndromes: the schizophrenia, the delusions psychosis acute and chronic, major hysteria and serious manic syndromes now almost entirely disappeared from the psychiatric history, serious depressive and melancholic delusions, cases of alcoholic disorders and attempted suicide. On the psychiatric-psychoanalytic explanations of D.r Gozzetti he sometimes added the psychological-social explanations, as he was influenced from his young interests, from political and cultural environment of Padua and from studies of sociology who had done at Pavia. During the same period, was 1976, he went to France to visit the Psychiatric Hospital of Ex-le-Bain, near Marseille, to experience the effective treatment with Antabuse of alcoholic disorders and for go in father’s native place. The visit also made appreciate him the “field of psychiatry” French and the organo-dinamic concept of mental disorder, of the leader Henry Ey. The school was more inclined than others to integrate psychological and organic factors in the design and explanations of them, more than that traditional, predominantly labelling and classifying, and more than that modern statistical-descriptive, of American Psychiatric Association, both little or no useful in order to understand, prevent, rehabilitate and treat mental disorders. In Padua he was able to expand further his previous interests and to refine further its capacity for socio-political analysis. He had to thank, first of all, the engineer Nikos Raftopoulos, Athens, who was his companions of studies and adventures from beginning to end of his stage in Padua, and a group of Padua where he was accepted, thanks to a fellow trainee, the D.r Maria Pia Ferretti, a psychiatrist with great psychiatric-psychoanalytic competence and great affection, with which he shared his ideals, and also made trips to Greece and in the former Yugoslavia. With all these influences, lessons and experiences, then, he began to grow a complex concept of mental disorder and human behaviour as due to the various possible interaction of psychological, social and organic factors of which can prevail now one now the other. The interest in human affairs and its origin from the high school science, which had given him an education and a positivist way of thinking, that he did so knowing a scientific-psychological rather than humanistic-philosophical. On IV year he was called to participate in a training group for psychotherapy with support of supervision of 8 months, managed by the psychoanalyst and Professor of Dynamic Psychology D.r Giuseppe Fara that will be the speaker to the graduation thesis and, after, will give him honour of his friendship. In December 10, 1976 obtained his degree with 110/110 votes by supporting a thesis on experimental psychodynamic interpretation of the Rorschach Test. He never got the praise for the opposition of a teacher, Prof. Ferlini, supporter of the systemic-relational theories that were then very fashionable, but denied a few years later at the International Congress on systemic therapy, in Taormina (Sicily)! He left Padua in search of a job in his homeland and did a very heavy his heart, because it left a University and a City rich in culture and in actions social and intellectual, well organized and the edge over others which he knew. He began his career as school psychologist and, for 3 years, worked in services for social-psycho-educational, with students of schools of Enna, for the ENPMF, in the school year 1976-77, and for the C.E.R.N.E.S.A.P., in the school year 1978-79, and with students of schools of Caltanissetta, for the ENPMF, in the school year 1977-78. He faced clinical problems, shall we say, “minor” compared to those who had met in psychiatric environments: delays in psychological development, intellectual deficiency and pseudo- deficiency, personality disorders and pseudo-personality disorders, language disorders, learning disorders and attention disorders, fatigue mental and the waste of the school, depression and the inhibitions in childhood. To analyze these problems, usually, had enough the conversation with the parents and teachers or, at most, the use of projective tests such as graphics HTP or C.A.T. or W.I.S.C. In 1977 he began teacher of Psychology, Pedagogy and Sociology, as mandated annual, before, at the School for Professional Nurses, in Caltanissetta, then, at the School for Nurses, in San Cataldo, subsequently, in the School for therapists of rehabilitation and in the Seminary Bishop in Caltanissetta. It will end, after his transfer to the province of Syracuse, in the School Nurses, in Noto. The following year he opened an office in Caltanissetta, in order to begin the work of therapist in private. In order to start well its work, considered appropriate to seek assistance again to D.r Sara Genova, which will honour him also of his friendship, for the non-directive psychotherapy and for the “strategic” therapy that she, among the first in Italy, had imported from the USA, and to Prof. Fara, for the analytical treatments. Once again he was professionally lucky and both they accepted. After a few years, he felt the need to expand his knowledge on psychotherapeutic techniques and theories and enrolled him as learner to the Course on information for Cognitive Psychotherapy, organized by the Higher Institute of Cognitive Sciences in Enna, lasting a year, with teachers the Prof. Tullio Grimaldi and Lidia Scrimali. Later, he enrolled to the “Introductory Workshop on Rational emotive behaviour therapy”, to the “Seminar on Brief Dynamic Active Psychotherapy”, to the “Workshop on Treatment of relational emotional psychological problems” and to the “Seminar on Strategies for Innovative Communication Therapy and Therapy brief, held in Montecatini (Toscana), with Paul Watzlavich. During the work of psychotherapist faced different problems: neurosis, conflict between couples, psychosomatic disorders, educational problems of children and many others. In 1979, after a selection interview for the observation and treatment of prisoners, held in Rome, according to art. 80 of Law N.354, 1975, he was entered in the list of experts for observation and treatment of adult prisoners, of the Ministry of Justice, and was assigned to the Courts of Appeal of Caltanissetta and Palermo. From then he began a professional and human experience, continuous and coordinated, which allowed to explore and learn new ways of thinking and behaving and that continued for 15 years: from 01-07-1979 to 08-05-1991 he worked in the prison of Caltanissetta where he found a “difficult” environment. Suffice it to say that the director of prison died suicide, the marshal of the prison guards was sentenced of Mafia association, himself underwent several attempts at intimidation by prisoners about whom he had reported negatively to the Supervisory Judge and more. From 31-08-1996 to 31-07-1999 he worked in the House of imprisonment of San Cataldo. This experience also allowed the review of certain diseases such as psychopath and sociopath from different perspectives (legal and rehabilitation) and to study behavioural and mental disorders (behaviour simulation and conceal, depression and disorders twilight by imprisonment as the Ganser syndrome). That same year, being then one of four psychologists in Italy who had the dual-task by the Ministry of operating either with adults or with children, he was also entrusted with the task of re-education consultant at the Institute for Children “Casa Amica” by Naro (Agrigento). Then he began to publish work in journals and magazines: “The use of sports activities of group at the end of education …” and “On the administration of the Rorschach test to prisoners ….”. Previously, was published an article written with his brother Gianfranco, an other psychologist, on “Restructuring of neurological and psychiatric services, pending the implementation of health care reform.” The improved economic conditions allowed for him the return to travel abroad: in Austria, Germany, Norway, Sweden, Netherlands and Finland where he could still appreciate the social organization and civilization of the inhabitants. At the same time, he participated as learner at conferences, congresses, seminars and round tables on various professional topics, to keep updated culturally and from the legislative point of view his work. For his own sensibility and its cultural background, until moving to the province of Syracuse in 1994, also he played social activities against drugs, the Mafia, political and moral corruption. He was always in favour of the ideals values, in order to safeguard a healthy and civil society. This commitment led him to be appointed as psychologist in the Family Advice Bureau Valdese, in Riesi (Caltanissetta), where the Mafia dominated. In 1986 led him to be appointed by the Mayor State of the Commission services in the municipality of San Cataldo; in 1988, to publish an article on “Reforming politics from below” by the Jesuits and, in 1989, he was appointed by the Bishop Garsia representative Diocese of Caltanissetta in the C.E.I., in Rome, and to have the honour and to feel the emotion of being received, along with others, by the Great Pope Karol Vojtyla. Meanwhile in 1980 he started his career in health. He had been appointed as non-medical Psychologist in the Public Body Hospital “Vittorio Emanuele, Isolation and Dubini”, of Caltanissetta, and allocated to the Service of Neurology where was Primary D.r Avenia Vincenzo, an intelligent and competent doctor in his field. Then were admitted there psychiatric and neurological patients: with Parkinson’s disease, with paresis and semi-paresis, with cranial trauma, with atherosclerosis and others. Being a General Hospital, he treated surgical patients, drug users who were admitted to General Medicine, patients hospitalized in Obstetrics and Gynaecology, patients in Intensive Care and in Thalassemia Service where he made an other very touching experience from the emotional and professional point of view. He had the opportunity to greatly expand its expertise and experience like few other psychologists had to do. With limited success in 1981 tried to introduce new practices into General Hospital after having participated in Catania, as learner, a course on the psicoprofilassi midwife, organized by Prof. Antonio Cisternino, Primary Obstetric Gynaecologist at the “G. Garibaldi”, a very competent doctor and sensitive to the problems of mothers, who organized the course. When the former Ente Ospedaliero “Vittorio Emanuele, Isolamento and Dubini” and the former municipal Family Advice Bureau transit in newly established USL N. 16 of Caltanissetta, the administration shifted its activities in the area and when it was activated Family Advice Bureau N. 1, he was sent for 10 months “part time” to operate there. He presented, so the possibility of further enrich his knowledge, experience and research into other problem areas: conflicts of the couple, sexual disorders, problems related to IVG (the voluntary interruption of pregnancy), contraception and prevention of unwanted pregnancies, custody and adoption nationally and internationally and the education of children. Meanwhile he attended, as learner, training courses or update on “Andrologia”, “Alcoholism”, “Social Marketing”, “Care for the elderly” and others. In order to sort the experience made and to give his small contributions to the integration of medicine and psychology, he continued to publish work in journals: together with his brother Gianfranco, with the Professor Cisternino, with the Dr Avenia, with the Dr. Antonio Giuliana (another good neurologist) and with his sister Liana (a biologist) he wrote: “The psychological approach to the sick by the medical staff” and ” … by no medical”, “Psychodiagnostic aspects of psychomotor behaviour unstable”, ” The treatment of the instability psychomotor”, “Psychosocial problems of the thalassemia: prevention and treatment” and “Psychological Consequences of the young prisoner in freedom”. Alone he published other works: “Psychosocial aspects of the thalassemia and organization of the services,” “Psychodynamic of the resistance to contraception,” “Psychosociocultural aspects of the Drug”, “Psychosocial problems of the elderly people and organization of the services 1” and “…2”, “Psychological relevance of the social hazard in the psychological disturbed perpetrators of crime”, ” Mass media and violent behaviour”, “Psychosociocultural aspects of the child-abuse and organization of the services”, “Psychosocial effects of the fraud in the South”, ” Aspects of the psychological evaluation in the clinical, in the criminology and in the legal areas” and “Results of a study on attitudes against the mafia of students from 13-19 years” made after the massacre at Capaci (Palermo) of the judge Giovanni Falcone, his wife Francesca Morvillo and his escort, who then seemed give a turn to the public and many politicians attitudes against the mafia. Reached a sufficient degree of economic level, he married in 1984, in Florence, with Marisa Torricelli, a very maternal woman who gave him great affection and three sons: Simona, Albert and Lorena. Meanwhile, in previous years, was started in Italy, the Reformation of Health with the establishment of UU. SS. LL. and, when the Neurology ceded his psychiatric skills to the newly SS. TT.TT.SS.MM. (Regional Services for the Protection of Mental Health), he was finally transferred to the territory as Psychologist Collaborator, pursuant to Law No. 207, 20-05-1985, under the leadership of Dr Anthony Iacono, a psychologist very familiar with the laws and very skilful in the use of theories, methods and cognitive techniques. These services were designed in response to pressures and to political and cultural theories of the previous Years ’60 and ’70, when it was found the weight of social factors in mental disorders and the need to act on them, and to prevent and to rehabilitate the “sick” in their usual place of life: family, work, study and recreation. From here came the conviction of having to withdraw the ex-psychiatric hospitals (as segregating, socially disabling, non-therapeutic or even anti-therapeutics) and the need to establish mental health services acting in the environment understood more in terms of relational and cultural than geographically. Hence also the conviction to change the traditional coercive psychiatric practices, cause of passivity, of labelling, useless for therapeutic purposes or even pathogenic when they had the effect of establishing condition of “psychiatric career” of “sick” and of “ the ghettoising of they in asylums”. For these reasons, in 1988, he enrolled in a Course of training and retraining in psychotherapy in psychiatric services, organized by Democratic Psychiatry, lasted one year, with P.F. Galli and P. Tranchina, S. Piro and E. Giarrizzo, G.P. Bonizzoni and C. Ponti, F. Fasolo and S. Ragialli, M. Ammaniti and C.A. Barnà, G. Lo Verso and C. Grasso, Dell’Acqua and A. Bauleo, F. Corrao and G.C. Zapparoli Teachers. The analytical methods, in general, and the psychoanalysis, in particular, both opposed by certain political and cultural left, in the Years `60, as” bourgeois”, then there were acclaimed. Almost a mocking and ironic fate: they were once again evaded the real problems of mental disturbed and of their families and were proposed diagnostic and therapeutic practices that, according to Dr Salvatore Cammarata, ended up being, in all good faith, more useful to legitimate the roles of the operators than to pursue the interests of health officers of the recipients (the patients and their families)! 1985 was for him a other lucky year, because even had the pleasure of being appointed for 4 years, Collaborator on Cathedra of Criminal Anthropology at the University of Palermo, by Prof. Gaetano Ingrassia that was the Coordinator of Experts for the Western Sicily. There held seminars for students of the Faculty of Law, joined in lessons and gave his contribution to organizing conferences and national seminars and international conferences. Then he began to be invited as a rapporteur on various psychological topics: “Ten years after the’194′: what changes?”, “Learning to better manage the emotions”, “Psychosocial effects of fraud in the South”, “The thalassemia in Caltanissetta”, “The psychological significance of social dangerousness in mentally disturbed perpetrators of crime”, “Psychosomatic health education”, “Mass media and violent behaviour”, “Content and ethical social function of penalty”, “Psychological aspects of thalassemia”, “Proposals for the organization of mental health”, “Psychosomatic disorders”,”Interactive mechanisms of communication within the class-group”, “The leadership in the management of human resources”, “The psychologists in Health Services”, “The therapeutic communities assisted in Sicily”, “The relation in the educational processes of teaching/learning”, “The life beyond drugs” and “Relational dynamics”. First, in Caltanissetta, and, after, in Agrigento and Syracuse, he began also to be appointed lecturer in courses of training for teachers on various topics always psychological: “The psychomotor activity in pre-school education”, “Program of Work Learning teachers: execution and verification”, at Sommatino and Caltanissetta, “The integration of handicapped pupils”, at Riesi, Caltanissetta and Mussomeli”, “Social evaluation and integration”, “The student assessment”, “The student assessment in primary school”, “Screening of educational activities, learning processes and levels of maturity”, “The disturbances of communication”, “The continuity in the development of the person”, “Students with handicapped and continuity ” and “AIDS”. In 1986, Professor Gaetano Ingrassia invited him to become a member of the Editorial Committee of the magazine “Criminology and Forensic psychopathology “, of University of Palermo, for about 3 year, and, in 1988, the chief of the magazine “Project Health”, of Favara (Agrigento), Dr Antonio Patti, called him to become part of the Editorial Committee, for about 1 year. In 1989 he won an open competition for filling a post of Coadjutor Psychologist, in USL No 12, of Canicatti (Agrigento), and, after a year and a half, another in the USL No 16 that allowed him to return to Caltanissetta. In the same year, the Regional Health Department of the Regione Siciliana financed his research on brief psychotherapy in institutional environment. Those were years in which the Association of Italian Psychologists United had done an excellent service union in Italy, in favour of Psychologists who won several legislative victories. One example is the D.P.R. N. 821 of 07-09-1984, which allowed them to have a mono-professional hierarchical organization in business units: Assistant, Coadjutor and Director. In services where these units were set up the conflicts of professional power and personal were added to the previous professional conflicts between psychologists and psychiatrists; especially, between psychologists executives and psychiatrists executives (the latter, for a cultural fact, the psychiatrists continued to be called in there, wrongly, “primary”. These facts led him, later, to publish three articles also in the newspaper of Psychologists in the Region of Sicily: “Coordination of psychological activity: an experience in the USL N. 25 Noto” and “The institution of the Order of Psychologists of Sicily”. Later it will publish third article on the marketing: “Reflections on the conference”. He published these articles as Director in 1993 when he completed its career in health by winning the competition for Psychologist Director in USL N. 12 in Noto (Syracuse). In the meantime he had proceeded to register himself at n. C S 0084 of Order of Psychologists in Sicily, in accordance with art. 32, and in Psychotherapists List, pursuant to art. 35 of Law N. 56, 18-02- 1989. He won that competition, because all the candidates came from outside the province. In a different way, for nepotism and corruption widespread throughout the government of Southern Italy, he could not have ever been able to win! In fact, it was the only psychologist, at least in Sicily, to have won a public competition to Director Psychologist outside the province of his life. He directed the Unit of Psychology with a democratic “leadership”. The unit was composed of 4 very goods colleagues: the D.r Pino Bellomia, Lina Ruta, Corrada Attardo and Licia Bruno, who were employed in 1 psychiatric hospital service, in 4 territorial psychiatric clinics, in 1 service anti-drugs, in various public schools, for prevention activities, and in 1 psychological clinic in the local General Hospital, for psychotherapeutic and psycho-diagnostic. Thanks to their cooperation the mono-professional Psychological Unit obtained each year all the planned targets. But at the end of 1992, December 30, had been published in Italy the Legislative Decree n. 502, on the reorganization of the health and, on 03 February 1993, the Legislative Decree n. 29 on the Reform of Public Administration. Since he understood the scope of both innovative Decrees, especially for the introduction of private law in the management criteria also in P. A., as manager, took care of boosting productivity real and verifiable of the Operating Unit that went from an index 1:14 in 1993 to 1:31 in 1994 to 1:42 in 1995 to 1.33 in 1996 to 1:46 in 1997.
In summary, it is the fact that so as the ancient Greek Polis fought between them for power in Greece, but were ready to unite in the face of potential foreign enemies, in similar ways …

(the “curriculum” will be revised)

Siracusa (Italy), 26-09-2009Il D.r Cammarata Salvatore è nato a San Cataldo, nel centro della Sicilia (Italy), il 29-01-1952. Fu educato dal padre Carlo, nato a Grand Combe, in Francia, un ex-poliziotto divenuto poi commerciante di mobili, di limitata scolarizzazione ma di grandissima intelligenza, a ideali d’onestà morale e di giustizia sociale che sin da ragazzino ha condiviso per tutta la vita con un gruppo di amici coi quali ha sviluppato anche interessi per l’analisi storica, sociale e politica: Vincenzo Caramanna, Beniamino Salomone, Filippo Cammarata, Lillo Sollami, Roberto Scarpinato, Giuseppe Burcheri. Dalla madre Maria fu educato, piuttosto, ad ideali estetici e di buon comportamento. Per questi motivi, una volta conclusi gli studi liceali, ritenendo di seguire sue inclinazioni personali, decise di iscriversi alla Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Pavia. Scelse un’Università del Nord Italia, perché voleva curare al meglio la sua formazione. Molta parte della sua permanenza a Pavia la trascorse, in realtà, a Lugano (Svizzera) ospite di carissimi zii materni che vi erano emigrati, per lavoro, dove poté apprezzare l’organizzazione sociale e civile. Conseguì un 30/30 in Economia Politica ed un 27/30 in Sociologia, ma, ben presto, decise di cambiare studi, perché si rese conto che quegli studi erano adatti ai numerosi “figli di papà” che erano iscritti a quella Facoltà, che avevano una carriera professionale e sociale garantita dalle loro famiglie e che frequentavano più per cultura personale o per avere una laurea da esibire che per trovare un posto di lavoro. Considerato che egli originava da una famiglia di modeste condizioni sociali ed economiche e che, dopo la laurea, avrebbe avuto difficoltà occupazionali si ritirò. Riacquistò l’entusiasmo per gli studi universitari quando seppe che, da poco, in Italia erano stati istituiti Corsi di laurea in psicologia nelle Università di Roma e Padova. Gli si prospettò di nuovo la possibilità sia d’esplorare nuovi campi del sapere sia di trovare sbocchi occupazionali e decise di iscriversi alla più prestigiosa Università di Padova che dava maggiori garanzie di serietà degli studi. Erano gli “anni di piombo” della Rivoluzione culturale studentesca nel Mondo Occidentale e Padova era una delle città maggiormente coinvolte, per la compresenza d’organizzazioni politiche come “Potere Operaio”, “Rosa dei venti” ed altre e per l’attivismo politico, sociale e culturale della Città, in generale, e degli studenti, in particolare. Tra le esperienze che non potette fare, per mancanza di soldi, fu lo studio della lingua inglese. Al III anno, iniziò a fare le prime esperienze dirette dei disturbi psichici frequentando l’ex Casa di Salute Psichiatrica, di Marostica (Vicenza). Al IV, fu segnalato da suoi docenti universitari alla Provincia di Padova, per frequentare, come laureando in psicologia, l’ex-Ospedale Psichiatrico di Brusegana. Là ebbe come “tutor” la D.ssa Sara Genova, un Primario Psicologo, abilissima nell’uso dei metodi di Carl Rogers combinati con quelli ipnotici di Milton Erickson. L’Ospedale si presentava in una veste linda, ordinata, moderna, organizzata. Non aveva nulla a che vedere con le “Fosse dei serpenti” di cui aveva sentito parlare; specie, nel Sud Italia. Tutti gli operatori avevano un atteggiamento serio, professionale, rispettoso dei pazienti e dei tirocinanti. Ognuno era molto competente nelle funzioni che doveva svolgere. Inoltre, gli operatori praticavano già allora attività fuori dell’Ospedale a favore di pazienti seguiti anche in ambulatori nei loro ambienti di vita, secondo la moderna ideologia che allora era chiamata della “porta girevole”. Un’altra figura professionale che suscitò molto il suo interesse fu quella del D.r Giovanni Gozzetti, Primario Psichiatra nel Reparto d’osservazione dove egli fu assegnato, che era molto competente nel combinare approfondite conoscenze ed esperienze psichiatriche tradizionali a conoscenze di psicodinamica che gli derivavano da cinque anni d’analisi freudiana, fatta in Italia, e da un’analisi kleiniana che egli stavano facendo a Parigi. Tra i casi discussi prevalevano le forme cliniche “maggiori”: la schizofrenia, le psicosi deliranti acute e croniche, le grandi isterie e le gravi forme maniacali ormai quasi del tutto scomparse dalle casistiche psichiatriche, le gravi forme depressive melanconiche e deliranti, i casi di tentato suicidio e d’etilismo. Alle spiegazioni psichiatrico-psicoanalitiche del D.r Gozzetti egli, a volte, aggiungeva quelle psicologico-sociali, influenzato com’era dai suoi interessi giovanili, dall’ambiente politico-culturale padovano e dagli studi di sociologia che aveva fatto a Pavia. Nello stesso periodo, era il 1976, si recò in Francia, per visitare l’Ospedale Psichiatrico d’Ex-le-Bain, in provincia di Marsiglia, per fare esperienza dell’efficace trattamento degli alcolisti con l’Antabuse sottocutaneo e per andare nei luoghi natii paterni. Quella visita gli fece anche apprezzare la “psichiatria di settore” francese e la concezione organodinamica dei disturbi psichici, del Caposcuola Henry Ey. La Scuola era più propensa, rispetto ad altre, ad integrare fattori psichici ed organici nella concezione ed esplicazione di essi; non quella tradizionale, prevalentemente etichettante e classificatoria, né quella moderna statistico-descritiva, dell’Amercan Psychiatric Association, ambedue poco o niente utili ai fini di comprendere, prevenire, riabilitare e di curare i disturbi psichici. A Padova ebbe modo di ampliare, ulteriormente, i suoi precedenti interessi e di affinare ancora di più le sue capacità d’analisi socio-politica. Lo dovette, soprattutto, a dei ragazzi greci, primo tra tutti all’ing. Nikos Raftopoulos, di Atene, che furono suoi compagni di studi e d’avventure dall’inizio alla fine del suo soggiorno a Padova, e ad un gruppo di padovani nel quale fu accettato, grazie ad una collega tirocinante psichiatra, la D.ssa Maria Pia Ferretti, dotata di grande competenza psichiatrico-psicoanalitica e di grande affettività e sensibilità sociale, con i quali condivise i suddetti ideali e fece anche dei viaggi in Grecia e nell’ex-Jugoslavia. Grazie a tutte queste influenze, insegnamenti ed esperienze, già allora, cominciò a maturare una concezione complessa dei disturbi psichici e dei comportamenti umani dei quali i vari possibili fattori organici, psichici e sociali interagiscono potendo prevalere ora l’uno ora l’altro. L’interesse alle vicende umane e la sua provenienza dal liceo scientifico, che gli aveva dato una formazione ed un modo di pensare positivisti, fecero sì che egli predilesse un sapere psicologico scientifico più che umanistico-filosofico. Al IV anno fu chiamato a partecipare ad un Gruppo di formazione alla psicoterapia di sostegno con supervisione di 8 mesi, gestito dallo Psicoanalista e Docente di Psicologia Dinamica Prof. re Giuseppe Fara che sarà suo relatore alla tesi di laurea e lo onorerà, dopo, della sua amicizia. Il 10 dicembre del 1976 conseguì la laurea con voti 110/110 sostenendo una tesi sperimentale sulla interpretazione psicodinamica del Test di Rorschach. Non ottenne la lode, per l’opposizione di un docente, il Prof. Ferlini, sostenitore di teorie sistemico-relazionali che allora andavano molto di moda e che si opponevano a quelle psicodinamiche, ma che rinnegherà qualche anno dopo al I Congresso Internazionale sulle Terapie Sistemiche, a Taormina! Lasciò Padova alla ricerca di un lavoro in Sicilia. Lo fece a grande malincuore, poiché lasciava una Città ed un’Università ricche di cultura e d’iniziative sociali ed intellettuali, bene organizzate ed alla avanguardia rispetto alle altre che conosceva. Iniziò la sua attività professionale come psicologo scolastico e, per 3 anni, lavorò nei servizi socio-psico-pedagogici, con gli alunni di scuole di Enna, per l’E.N.P.M.F., nell’a.s. 1976-77, e per il C.E.R.N.E.S.A.P., nell’a.s. 1978-79, e con gli alunni di scuole di Caltanissetta, per l’E.N.P.M.F., nell’a.s. 1977-78. Allora affrontò problemi clinici, per così dire, “minori”, rispetto a quelli che aveva incontrato negli ambienti psichiatrici: ritardi nello sviluppo psicologico, deficit e pseudodeficit intellettivi, disturbi del carattere e pseudo-disturbi del carattere, disturbi, del linguaggio, dell’apprendimento e dell’attenzione, affaticamenti mentali e rifiuti della scuola, depressioni ed inibizioni infantili. Per analizzare i quali, di solito, gli era sufficiente il colloquio coi genitori e con gli insegnanti od al massimo, l’uso di test proiettivi grafici come l’H.T.P. o il C.A.T. o la W.I.S.C. Nel 1977 iniziò l’attività d’insegnante di Psicologia, Pedagogia e Sociologia, come incaricato annuale, prima, nella Scuola per Infermieri professionali, di Caltanissetta, poi, nella Scuola per Infermieri, di San Cataldo, in seguito, nella Scuola per terapisti della riabilitazione e nel Seminario vescovile, di Caltanissetta. Essa si concluderà, dopo il suo trasferimento in provincia di Siracusa, nella Scuola Infermieri, di Noto. L’anno seguente aprì uno studio professionale a Caltanissetta, per iniziare l’attività di terapeuta in privato. Allo scopo d’iniziare bene la sua attività, ritenne opportuno tornare a chiedere aiuti alla D. ssa Sara Genova, che lo onorerà pure della sua amicizia, per i trattamenti psicoterapeutici non direttivi e “strategici” che, tra i primi in Italia, lei aveva importato dagli U.S.A., ed al Prof. Fara, per i trattamenti analitici. Ancora una volta fu professionalmente fortunato ed ambedue accettarono. Dopo alcuni anni sentì la necessità di estendere le sue conoscenze sulle teorie e tecniche psicoterapeutiche e s’iscrisse, come discente, al Corso informativo di Psicoterapia Cognitiva, della durata di un anno, organizzato dall’Istituto Superiore delle Scienze Cognitive, di Enna, con docenti i Prof. ri Tullio Scrimali e Lidia Grimaldi. In seguito, si iscrisse anche al “Workshop introduttivo alla Rational Emotive Behaviour Therapy”, al “Seminario sulla Psicoterapia Attiva Dinamica Breve” ed al “Workshop sul Trattamento relazionale emotivo dei disturbi psicologici” ed al “Seminario sulle Strategie innovative di Comunicazione Terapeutica e Terapia Breve”, svolto a Montecatini con Paul Watzlavich. Durante l’attività di psicoterapeuta affrontò diversi tipi di problemi: nevrosi, conflitti di coppia, disturbi psicosomatici, problemi educativi di figli e tanti altri. Nel 1979, di seguito a un colloquio d’idoneità all’osservazione e al trattamento di detenuti, svolto a Roma, ai sensi dell’art. 80 della legge n. 354 del 1975, fu iscritto nell’elenco degli Esperti per l’osservazione ed il trattamento di detenuti adulti, dell’ex Ministero di Grazia e Giustizia, e fu assegnato alle Corti d’Appello di Caltanissetta e Palermo. Da allora iniziò un’esperienza umana e professionale, coordinata e continuativa, che gli consentì d’esplorare e di conoscere nuovi modi di pensare e di comportarsi e che proseguì per 15 anni. Dall’01-07-1979 all’08-05-1991 lavorò nella Casa Circondariale, di Caltanissetta, dove trovò un ambiente “difficile”. Basti pensare che la Direttrice morì suicida, il maresciallo degli agenti di custodia fu condannato per associazione mafiosa, egli subì vari tentativi di intimidazione da detenuti sui quali aveva relazionato negativamente al Giudice di Sorveglianza ed altro ancora. Dal 31-08-1996 al 31-07-1999 lavorò nella Casa di reclusione di San Cataldo. Tale esperienza gli consentì anche di rivedere certe patologie come le psicopatie e le sociopatie da ottiche diverse (giudiziaria. e rieducativa) e di studiare nuovi comportamenti e disturbi psichici (comportamenti adulatori e dissimulatori consapevolmente finalizzati, depressioni e stati crepuscolari da detenzione come la sindrome di Ganser). Nello stesso anno, essendo allora uno dei quattro psicologi in Italia che avevano avuto il doppio incarico dall’ex-Ministero d’operare sia con gli adulti sia coi minori, gli fu affidato anche l’incarico di consulente nell’Istituto di rieducazione per minori “Casa Amica”, di Naro (Agrigento). Nello stesso periodo anzidetto fu Presidente di Seggio Elettorale Speciale per 16 anni presso il carcere di Caltanissetta. Allora iniziò a pubblicare lavori su riviste: “Sull’utilizzazione d’attività sportive di gruppo a fine educativo…” e “Sulla somministrazione del Test di Rorschach a detenuti…”. In precedenza, gli era stato pubblicato, un articolo scritto col fratello Gianfranco, pure psicologo, sulla “Ristrutturazione dei servizi psichiatrici e neurologici in attesa dell’attuazione della riforma sanitaria”. Le migliorate condizioni economiche gli consentirono di riprendere a viaggiare all’estero: in Austria, Germania, Norvegia, Svezia, Olanda e Finlandia dove poté apprezzare ancora la organizzazione sociale e la civiltà degli abitanti. Contemporaneamente, partecipava come discente a convegni, congressi, seminari e tavole rotonde su argomenti professionali vari, per tenersi aggiornato culturalmente e dal punto di vista legislativo sulla sua professione. Per la sua personale sensibilità e per la sua formazione culturale, fino al trasferimento in provincia di Siracusa nel 1993, svolse anche attività sociali contro le droghe, la mafia, la corruzione politica e morale ed a favore dei valori ideali, l’adesione ai quali considerò sempre il mezzo più efficace, per potere salvaguardare una società sana e civile. Tale impegno lo portò ad essere incaricato come psicologo nel Consultorio familiare Valdese, a Riesi (Caltanissetta), dove dominava la mafia. Nel 1986 lo portò ad essere nominato dal Sindaco membro di Commissione servizi sociali nel Comune di San Cataldo; nel 1988, ad avere pubblicato dai Gesuiti un articolo su “Riformare la politica dal basso” e nel 1989 a essere designato dal Vescovo Mons. Garsia rappresentante della Diocesi di Caltanissetta alla C.E.I., a Roma, e ad avere l’onore ed a provare l’emozione di essere ricevuto, insieme con altri, dal Grande Papa Karol Vojtyla. Intanto, nel 1980 aveva iniziato la sua carriera nella Sanità. Era stato incaricato come Psicologo non medico nell’ex Ente Ospedaliero “Vittorio Emanuele, Isolamento e Dubini”, di Caltanissetta, ed assegnato al Servizio di Neurologia dov’era primario il D.r Vincenzo Avenia, un medico intelligente e competente nella sua materia. Là erano ricoverati allora pazienti psichiatrici e neurologici: parkinsoniani, paretici, emiparetici, traumatizzati cranici, arteriosclerotici e altri. Trattandosi di un Ospedale Generale, contemporaneamente allo svolgimento dell’attività professionale in Neurologia, ebbe modo di trattare anche pazienti chirurgici, tossicodipendenti che allora venivano ricoverati in Medicina Generale, pazienti ricoverate in Ostetricia e Ginecologia, in Rianimazione e persino nel Servizio di Thalassemia dove fece un’altra esperienza molto toccante dal punto di vista emozionale e professionale. Di fronte a lui si presentava la possibilità d’ampliare enormemente le sue competenze ed esperienze come pochi altri psicologi avevano avuto la possibilità di fare. Con scarso successo nel 1981 cercò di introdurre nuove pratiche in Ospedale Generale dopo avere partecipato, a Catania, come discente, ad un Corso di psicoprofilassi ostetrica, organizzato, dal Prof: Antonio Cisternino, Primario Ostetrico Ginecologo al“G. Garibaldi”. Un medico molto competente e sensibile alle problematiche delle puerpere, che organizzava quei corsi. Quando l’ex Ente Ospedaliero e gli ex-Consultori familiari comunali transitarono nella neo-istituita U.S.L. n. 16 di Caltanissetta, l’Amministrazione spostò la sua attività nel territorio ed, allorché fu attivato il Consultorio familiare pubblico, fu inviato per 10 mesi “part time” ad operare anche là. Gli si presentò, così, la possibilità d’arricchire ulteriormente il suo bagaglio di conoscenze, d’esperienze e di ricerche in altri ambiti problematici: conflitti di coppia, disturbi sessuali, problemi legati alla I.V.G. (la interruzione volontaria di gravidanza), la contraccezione e la prevenzione di gravidanze indesiderate, l’affidamento e l’adozione nazionale ed internazionale e l’educazione dei figli. Nel frattempo frequentò, in qualità di discente, Corsi di formazione o aggiornamento in “Andrologia” “Alcolismo”, “Marketing sociale”, “Assistenza agli anziani” ed altri ancora. Allo scopo d’ordinare le esperienze professionali fatte e di dare piccoli contributi all’integrazione di Medicina e Psicologia, continuò a pubblicare lavori su riviste: insieme al fratello Gianfranco, al Prof. Costernino, al D.r Avenia, ad un altro bravo neurologo, il D.r Antonio Giuliana, ed alla sorella Liana, una biologa che aveva coinvolto in uno di essi: “L’approccio psicologico agli ammalati da parte del personale medico” e ”…non medico”, “Aspetti psicodiagnostici del comportamento instabile psicomotorio”, ”Il trattamento dell’instabilità psicomotoria”, ”Problemi psicosociali della thalassemia: prevenzione e trattamento” e “Conseguenze psicologiche del giovane posto in libertà”. Da solo pubblicherà altri lavori: “Aspetti psicosociali della thalassemia ed organizzazione dei servizi”,“Psicodinamica delle resistenze alla contraccezione”, “Aspetti psicosocioculturali delle farmacodipendenze”, “Problemi psicosociali degli anziani e organizzazione dei servizi 1” e “2”, “Rilevanza psicologica della pericolosità sociale nei disturbati psichici autori di reato”, “Mass media e comportamento violento”, “Aspetti psicosocioculturali della violenza sui minori e organizzazione dei servizi”, “Effetti psicosociali della frode nel Meridione”, “Aspetti di valutazione psicologica in ambito clinico, criminologico e giudiziario” e “Risultati di una ricerca su atteggiamenti contro la mafia di studenti di 13-19 anni”, fatta dopo la strage di Capaci (Palermo) del giudice Giovanni Falcone, della consorte Francesca Morvillo e della scorta, che, allora, sembrò dare una svolta all’opinione pubblica e di molti politici verso la mafia. Avendo raggiunto una certa sicurezza economica, nel 1984 sposò, a Firenze Torricelli Marisa, una ragazza molto materna che gli diede tanto affetto e tre figli: Simona, Alberto e Lorena. Intanto, negli anni precedenti, era iniziata, in Italia, la Riforma della Sanità con l’istituzione di UU. SS. LL. e, quando la Neurologia cedette le competenze psichiatriche ai neoistituiti SS. TT.TT.SS. MM. (Servizi Territoriali di Tutela della Salute Mentale), fu definitivamente trasferito nel territorio come Psicologo Collaboratore, ai sensi della legge n. 207 del 20-05¬-1985, sotto la guida del D.r Antonio Iacono, uno psicologo molto conoscitore delle leggi e molto abile nell’uso delle teorie, dei metodi e delle tecniche cognitive. Tali Servizi erano stati concepiti di seguito alle pressioni ed alle teorie politico-culturali dei precedenti Anni ’60 e ’70, quando era stato rilevato il peso dei fattori sociali nei disturbi psichici e la necessità di dover agire anche su di essi, per prevenirli e per riabilitare i “malati” nel loro luogo abituale di vita: familiare, di lavoro, di studio, di ricreazione. Da qui derivò la convinzione di dover abolire gli ex-Ospedali Psichiatrici (in quanto segreganti, socialmente emarginanti, non terapeutici o, addirittura, antiterapeutici) e la necessità di istituire dei servizi psichiatrici che agiscano nel territorio inteso più dal punto di vista relazionale e culturale che geografico. Da qui anche la convinzione di modificare le tradizionali pratiche psichiatriche coercitive, passivizzanti, etichettanti, inutili a fini terapeutici od, addirittura, patogene nel momento in cui avevano l’effetto d’avviare o condizionare la “carriera psichiatrica” dei “malati” destinandoli, in definitiva, ad essere “ghettizzati” in manicomi. Per tali motivi, nel 1988, si iscrisse al Corso di formazione e aggiornamento in psicoterapia nei servizi psichiatrici, organizzato da Psichiatria Democratica, durato un anno, con Docenti P.F.Galli e P.Tranchina, S.Piro e E. Giarrizzo, G.P.Bonizzoni e C.Pontati, F.Fasolo e S.Ragialli, M.Ammaniti e C.A.Barnà, G. Lo Verso e C.Grasso, Dell’Acqua ed A.Bauleo, G.C.Zapparoli e F.Corrao.I metodi analitici, in generale, e la psicoanalisi, in particolare, tanto osteggiati da certi ambienti politico-culturali di sinistra, negli Anni `60, in quanto “borghesi”, erano allora là osannati. Quasi un beffardo e ironico destino: ancora una volta erano elusi i problemi veri dei disturbati psichici e dei loro familiari e venivano proposte pratiche diagnostiche e terapeutiche che, secondo il D.r Cammarata Salvatore, finivano con l’essere, in tutta buona fede, più utili alla legittimazione di ruoli (degli operatori) che a perseguire gli interessi di salute dei destinatari ufficiali (i pazienti ed i loro familiari)! Il 1985 fu per lui un altro anno fortunato, perché ebbe pure il piacere d’essere nominato, per 4 anni, Collaboratore nella Cattedra d’Antropologia criminale nell’Università degli Studi di Palermo, dal Prof. Gaetano Ingrassía che, allora, era il Coordinatore degli Esperti per la Sicilia Occidentale. Là svolse seminari per gli studenti della Facoltà dì Giurisprudenza, affiancò nelle lezioni il Docente e diede il suo contributo ad organizzare congressi e seminari nazionali ed internazionali. Allora iniziò ad essere invitato come relatore, per relazionare su argomenti psicologici vari:”A dieci anni dalla ‘194′: quali modifiche?”, “Imparare a meglio gestire la propria emotività”, “Effetti psicosociali della frode nel Meridione”, “La thalassemia a Caltanissetta”, “La rilevanza psicologica della pericolosità sociale nei disturbati psichici autori di reato”, “Educazione alla salute psicosomatica”, “Mass media e comportamento violento”, “Contenuto etico e funzione sociale della pena”, ”Aspetti psicologici della thalassemia”, ”Proposte di organizzazione del settore salute mentale”, ”I disturbi psícosomatici”, “Meccanismi interattivi di comunicazione all’interno del gruppo classe”, ”La leadership nella gestione di risorse umane”, “Gli psicologi nella sanità”, “Le comunità terapeutiche assistite nella realtà siciliana”, “La relazione educativa nei processi d’insegnamento/ apprendimento”, ”La vita oltre la droga” e “Dinamiche relazionali”. A Caltanissetta, prima, e ad Agrigento e Siracusa, poi, cominciò anche ad essere nominato docente in corsi di formazione o d’aggiornamento per insegnanti sempre su vari argomenti psicologici: “L’attività psicomotoria nella scuola materna”, “Programma di lavoro didattico di insegnanti: svolgimenti e verifica”, a Sommatino e Caltanissetta, ”L’integrazione scolastica degli alunni handicappati”, a Riesi, a Caltanissetta e a Mussomeli, ”Valutazione ed integrazione scolastica e sociale”, “La valutazione dell’alunno”, “La valutazione dell’alunno nella scuola elementare”, “Esame analitico delle attività educative”, “Processi d’apprendimento e livelli di maturazione” “I disturbi della comunicazione”, “La continuità nello sviluppo della persona”, “L’alunno con handicapp e la continuità”, e “AIDS”. Nel 1986, il Prof. re Gaetano Ingrassia lo invitò a diventare membro del Comitato di Redazione della Rivista “Criminologia e psicopatologia forense”, dell’Università di Palermo, (3 anni) e nel 1988, il Caporedattore della Rivista “Progetto Salute”, di Favara (Agrigento), D.r Antonio Patti, lo chiamò a far parte anche del Comitato di Redazione di quella Rivista, per circa 1 anno. Nel 1989 vinse un concorso pubblico per la copertura di un posto di Psicologo Coadiutore, nell’ex- U.S.L. n. 12, di Canicattì (Agrigento), e, dopo un anno e mezzo, un altro nell’ex U.S.L. n. 16 che gli consentì di tornare a Caltanissetta. Nello stesso anno, l’Assessorato Regionale alla Sanità della Regione Sicilia gli finanziò una ricerca sulle psicoterapie brevi in ambito istituzionale. Erano anni nei quali l’A.U.P.I. (Associazione Unitaria Psicologi Italiani) aveva svolto un egregio servizio sindacale, in Italia, in favore degli Psicologi che ottennero parecchie conquiste legislative. Tra essi il D.P.R. n. 821 del 07-09-1984 che consentiva loro un’organizzazione monoprofessionale gerarchica in unità operative: Psicologo Collaboratore, Coadiutore e Dirigente. Nei servizi dove tali unità furono istituite i conflitti di potere professionali e, persino, personali si aggiunsero ai precedenti professionali con gli psichiatri e si acuirono ancor più; specialmente, tra Psicologi Dirigenti e Psichiatri Dirigenti (i quali ultimi, per un fatto culturale, continuavano a farsi chiamare anche nel territorio, a torto, “primari”. Questi fatti lo portarono, in seguito, a pubblicare due articolotti anche sul giornale dell’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia, che nel frattempo era stato pure istituito e che aveva provveduto ad iscriverlo al n. C S 0084, ai sensi dell’art. 32, ed all’Albo degli psicoterapeuti, ai sensi dell’art. 35 della legge n. 56 del 18 febbraio 1989: ”Coordinamento delle attività psicologiche: un’esperienza nella U.S.L. n. 25 di Noto” e “L’istituzione dell’Ordine degli Psicologi della Sicilia”. Successivamente ne pubblicherà un terzo sul “marketing”: “Riflessioni sul convegno”. Pubblicò tali articoli da dirigente, nel 1993 quando completò la sua carriera professionale in Sanità vincendo il concorso per Psicologo Dirigente nell’ex U.S.L. n. 25, di Noto (Siracusa). Vinse quel concorso, perché i candidati provenivano tutti da fuori provincia; altrimenti, per i motivi esposti nella nota n. 1 di “Personality Disorders”, molto difficilmente egli lo avrebbe vinto! Infatti, fu l’unico psicologo, almeno in Sicilia, ad avere vinto un concorso per Dirigente fuori della sua provincia di nascita o di residenza. Diresse l’Unità Operativa di Psicologia con una “leadership” democratica. L’Unità era composta da 4 validissimi colleghi oltre lui: i D.ri Pino Bellomia, Lina Ruta, Corrada Attardo e Licia Bruno, che operavano in 1 S.P.D.C., 4 Poliambulatori territoriali, 1 Ser. T. e in varie Scuole Pubbliche, per attività di prevenzione, nel locale Ospedale Generale, per attività diagnostiche ed anche psicoterapeutiche, ed in 1 Ambulatorio mono-professionale ospedaliero di Psicologia. Grazie a loro, conseguì ogni anno tutti gli obiettivi programmati. Alla fine del 1992, il 30 dicembre, era stato pubblicato in Italia il D.L.vo n. 502, sul riordino della disciplina in materia sanitaria ed, il 03 febbraio del 1993, il D.L.vo n. 29 sulla riforma della Amministrazione Pubblica. Egli aveva compreso la portata innovativa d’ambedue i Decreti, soprattutto per la introduzione dei criteri privatistici nella gestione anche della P. A., e, come Dirigente, oltre che curare gli aspetti qualitativi dell’attività dell’Unità Operativa, ne curò anche quelli quantitativi, facendo aumentare la produttività reale e verificabile che passò da un indice 1.14 nel 1993 a 1.31 nel 1994 ad 1.42 nel 1995 a 1.33 nel 1996 ad 1.46 nel 1997.

Nonostante la sua vasta esperienza professionale ed i buoni risultati conseguiti nella direzione dell’Unità Operativa, quando le UU.SS.LL. della Provincia di Siracusa (Noto, Siracusa, Augusta e Lentini) furono accorpate in un’unica A.U.S.L. di Siracusa il progresso della sua carriera si interruppe, al punto che, contrariamente a quanto previsto per legge, egli non fu messo alla prova di gestione di una unità operativa complessa ed il suo precedente operato professionale e gestionale non fu neanche valutato! Per anni, non gli rimase che curare solo aspetti professionali del suo lavoro e continuare ad occuparsi anche di aspetti socioculturali con l’ incremento della sua attività giornalistica: pubblicò numerosi articoli sul Secolo d’Italia, La Sicilia e Giornale di Sicilia e, tra essi, nel 2000, uno su “I Siracusani”, sul n. 28 dell’omonima Rivista. In esso ha analizzato alcuni aspetti socioculturali dell’ex-colonia greca nei quali ha trovato alcune spiegazioni socioculturali dell’interruzione dello sviluppo della sua carriera professionale.

In sintesi, si tratta del fatto che cosi’ come le antiche Polis greche lottavano tra esse per il potere in Grecia, ma erano pronte a coalizzarsi di fronte ai potenziali nemici stranieri, in modi simili…

CONTINUA…

Devi aver effettuato il login per inserire una risposta.